Pagina iniziale
Language: (Italiano)

Una stella verde brilla nel cielo del riciclaggio:

Il Gruppo RLG ha avviato in Vietnam il primo sistema di raccolta differenziata per Apple e HP.

Gli iPhone e gli iPod sono a sinistra, centinaia di dispositivi in pile ordinate. Accanto, stampanti e notebook HP, anche loro accuratamente impilati e divisi per tipologia. Non si tratta di apparecchi nuovi e non ci troviamo in un grande negozio di elettronica: siamo invece in un centro per il trattamento dei rifiuti della città di Ho Chi Minh, nella parte più meridionale del Vietnam. Gli apparecchi sono rifiuti elettrici ed elettronici, rifiuti che vengono rottamati e riciclati in modo professionale ed ecologico.
Xuân Phong è il responsabile di uno dei tanti centri per il trattamento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche in Vietnam e ci fa da guida al suo interno con visibile orgoglio. Ci mostra le misure di sicurezza, le telecamera di sorveglianza, le alte mura, le recinzioni e i severi controlli all’entrata. Le direttive che RLG chiede di rispettare alle proprie imprese di servizi sono severe, ci spiega Phong Anche operatori poco seri vorrebbero infatti impadronirsi di queste apparecchiature fuori uso per sfruttare senza scrupoli il grande valore commerciale dei materiali che possono essere recuperati. La catena del riciclaggio sicuro di rifiuti comincia ben prima dei cancelli del deposito: nei tanti punti di raccolta del Vietnam, dove chiunque può portare e lasciare gratuitamente i propri apparecchi Apple e HP non più funzionanti. Nella sola Ho Chi Minh i punti di raccolta sono già tanti, e ce ne sono altri ancora in cantiere, da allestire in punti chiave, nelle scuole, negli edifici istituzionali e nei centri commerciali.
Un servizio gratuito di raccolta rifiuti? Quello che per noi è quasi un’ovvietà, in Vietnam è una vera rivoluzione nel modo di pensare. Il responsabile del centro Phong ci spiega di conoscere molti vietnamiti, i cosiddetti “Dong nat”, che smontano illegalmente dispositivi e apparecchiature elettroniche e vendono i componenti ai rivenditori di materiali. Sono in molti in Vietnam a cercare di guadagnarsi da vivere in questo modo. Purtroppo, i Dong nat non riciclano con le dovute attenzioni, ma bruciano cavi e parti in plastica per recuperare metalli di valore come l’alluminio, il rame e il ferro. Un’operazione che non ha assolutamente nulla a che vedere con il riciclaggio professionale ed ecologico dei rifiuti.

Riciclaggio professionale, ecologico e rispettoso della salute in Vietnam. Verificato, controllato e organizzato da RLG.

Il nuovo sistema di raccolta spinge i vietnamiti a una riflessione: è meglio vendere i propri apparecchi vecchi per pochi soldi a qualcuno di dubbia moralità e mettere a rischio la salute e l’ambiente nel Paese? O, piuttosto, consegnarli gratuitamente ma con la certezza che le preziose materie prime saranno immesse nuovamente nel ciclo produttivo con la dovuta attenzione e nel rispetto dell’ambiente?
In Vietnam la consapevolezza dell’importanza di un riciclaggio sicuro ed ecologico è ancora molto bassa. I due colossi dell’elettronica Apple e HP sono quindi scesi per primi in campo e hanno avviato il programma per lo smaltimento “Vietnam Recycles”, il sistema di raccolta gratuita di apparecchi elettrici o elettronici fuori uso o inutilizzati del Vietnam. Nella prima fase si è partiti con il migliore strumento contro i pericoli che minacciano l’ambiente e la salute: il dialogo e la spiegazione. Tutte le imprese di servizi della Vietnam Recycling Platform (VRP) di RLG sono state formate ed esaminate a lungo e approfonditamente. Anche Xuân Phong ha alle spalle un corso di formazione e istruzione durato diverse settimane ed è ora uno dei partner di RLG in possesso di un attestato di conformità al severo standard ISO14002. Conosce ogni dispositivo, ogni apparecchio, ogni sostanza pericolosa. Sa come si debbano smaltire, trattare e riciclare in modo ecologico i materiali di recupero. I numeri crescenti di vecchi apparecchi consegnati permette di sperare che il Vietnam diventi sempre più “green”. Che non siano solo produttori come Apple e HP ad assumersi le proprie responsabilità – ma anche i consumatori.
Seguiamo un camion “Vietnam Recycles” dal punto di raccolta al centro di smaltimento e siamo colpiti dalla serietà e dal rigore: gli apparecchi elettrici ed elettronici presi in consegna sono registrati su un computer in ogni punto di raccolta del Paese, ne viene annotato il peso e il numero, e la rotta del camion viene controllata passo dopo passo tramite GPS. Se infatti un camion devia dal percorso stabilito, una parte del materiale potrebbe essere sottratta illegalmente. In ogni successivo punto di raccolta, il materiale viene quindi nuovamente pesato, contato e verificato. Quando è stato raccolto un numero sufficiente di apparecchi, un ordine di ritiro merce viene inviato tramite un’App o attraverso il sito web. La rapidità è poi un altro fattore che contribuisce alla sicurezza: non appena i notebook, le stampanti, i monitor e i tablet arrivano nel centro, entro il giorno successivo vengono avviate le procedure di smaltimento e trattamento.
Salutiamo Xuân Phong e saliamo sulla nostra macchina arroventata dal sole. Abbassiamo del tutto i finestrini e ci addentriamo nella città di Ho Chi Minh. Lungo la strada incontriamo uomini che trasportano frigoriferi o televisori sulle loro biciclette o su carretti di legno. Cercare di incentivare il riciclaggio e il recupero delle materie prime sarà solo una goccia nel torrido mare di asfalto? Poco dopo passiamo davanti a una scuola e vediamo il punto di arrivo di un inizio promettente: davanti all’ingresso fa bella mostra un contenitore per la raccolta di apparecchi elettronici inutilizzati o fuori uso con il logo “Vietnam Recycles”. Una luminosa stella verde ci accoglie sorridente in vietnamita: “Cùng chung tay bẳo vệ Trái đất & sức khỏe chúng ta” – Unite le mani, proteggiamo la terra e la salute.

RLG Vietnam
8th Floor, 54-59 Ho Tung Mau Street
Ben Nghe Ward, District 1
Ho Chi Minh City
Vietnam
Telefon: +84 933882205